Ascolta il podcast con l’intervista integrale ad Alessandro Battista sul nuovo libro “Contro! Perché opporsi al governo dell’assembramento”.

“Se sono disponibile a ragionare sul limite dei due mandati? Sarei molto più disponibile a ragionare, ad allentare una mia rigidità sulle regole interne, in cambio di linee politiche importanti, come l’uscita dal governo Draghi”. Così Alessandro Di Battista durante un’intervista con Marco Lillo, vice direttore de Il Fatto quotidiano e responsabile della casa editrice Paper First, per l’uscita del suo nuovo libro “Contro! Perché opporsi al governo dell’assembramento”, edito da Paper First.

Di Battista quindi specifica: “La regola del doppio mandato per me è molto importante e credo che lo sia per tanti attivisti ma è qualcosa che ovviamente riguarda il Movimento 5 stelle e basta, è una questione interna. Il sostegno al governo Draghi, invece, e la possibilità che il Movimento possa fare opposizione a questo governo dell’assembramento per me è una questione nazionale che riguarda l’interesse collettivo generale. Per cui io pongo le questioni nazionali in una posizione più importante”. Quindi, conclude, “se oggi mi dicessero ‘Alessandro se tu fossi un po’ meno rigido sulle regole e noi ammettessimo che sia stato un errore entrare nel governo Draghi che dici possiamo ragionare insieme?’, la risposta è sì“.

Per maggiori informazioni sul libro di Alessandro Di Battista visitate paperfirst.it/libri/contro/

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“L’autodichia della Camera non vale per qualsiasi atto”: il Consiglio di Stato apre una breccia nel diritto speciale del Parlamento

next
Articolo Successivo

Mattarella: “La Repubblica è ancora imperfetta tra evasione fiscale e morti sul lavoro”. Ai partiti: “Democrazia più importante degli interessi”

next