L’ascesa nei sondaggi di Fratelli d’Italia continua anche questa settimana, almeno secondo l’istituto Swg nella rilevazione settimanale per il TgLa7. Il partito di Giorgia Meloni guadagna mezzo punto in una settimana e se da una parte stacca il Pd – in calo – dall’altra tiene la distanza sulla Lega che è primo partito, ma che nelle ultime settimane ha registrato un trend molto discontinuo. Fratelli d’Italia raggiunge peraltro il 20 per cento: è la prima volta nella sua storia, sia pure la circostanza sia al momento solo e del tutto virtuale, cioè prodotto di una ricerca demoscopica e non di schede scrutinate nei seggi elettorali. Va detto che tra i grandi partiti che sostengono il governo delle larghissime intese solo la Lega registra il segno più (+0,4, 21,7), mentre vanno in discesa con ribassi anche significativi Pd (-0,5, al 19%), M5s (-0,7, 15,8) e Forza Italia (-0,6, 6,3).

Si battono per la sopravvivenza, lungo la soglia di sbarramento, Azione di Carlo Calenda che cresce dello 0,3 e torna un po’ sopra il 3,5, Sinistra Italiana che è l’altra forza di opposizione parlamentare al governo Draghi (+0,3, 3 per cento netto), Articolo 1 che esprime il ministro della Salute Roberto Speranza (+0,3, 2,2), Italia Viva (primo sponsor di questo governo, +0,3 che port al 2,1), +Europa stabile al 2 per cento e i Verdi all’1,7 dopo una lieve flessione.

Vale la pena sottolineare che resta molto alta la quota di chi “non si esprime” che riunisce l’area del non voto e quella degli indecisi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Ora Salvini dice che è disposto al confronto sulla proroga al blocco dei licenziamenti. Letta: “Siamo abituati ai suoi voltafaccia”

next