La nave Sea Eye 4 con 414 migranti a bordo, tra i quali 150 minori, soccorsi nei giorni scorsi nel Mediterraneo, è arrivata in mattinata al porto di Pozzallo dopo aver ottenuto l’autorizzazione allo sbarco in un porto sicuro mercoledì scorso, in seguito all’evacuazione per motivi sanitari di un giovane avvenuta con una motovedetta della Capitaneria di porto al largo di Palermo. I migranti, dopo essere stati sottoposti a controlli medici e al tampone, saranno trasferiti per un periodo di quarantena a bordo della nave Aurelia, che già ieri ha raggiunto il porto della città siciliana, mentre i minori non accompagnati saranno trasferiti in un centro di accoglienza in provincia di Ragusa. La nave, prima di approdare nel Ragusano, ha dovuto fare il giro della Sicilia: inizialmente si era infatti diretta verso il porto di Palermo per poi fare rotta verso est lungo la costa jonica dopo avere ottenuto dalle autorità italiane un porto sicuro che era stato invece negato da quelle maltesi.

Il responsabile della ong tedesca, Jan Ribbeck, ha denunciato che durante le operazioni di sbarco e i controlli medici sono state pronunciate frasi razziste dalle autorità locali, affermando che “dei bambini piccoli stanno urlando e piangendo” e invitando la guardia costiera a “garantire un’azione dignitosa e proporzionata”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cdp-Aspi, familiari vittime del Morandi scrivono al Governo: “Interrompere trattativa, non date un altro lutto alle nostre famiglie”

next
Articolo Successivo

Palermo, vaccini ai giovanissimi che accompagnano gli over 80 (anche senza conoscerli): “Arrivato alle 7, ho avuto fortuna”

next