Ieri Falcone e Borsellino, oggi Palamara. Spartizione delle poltrone, connivenze con la politica, inchieste sempre meno scomode, corvi al Csm. Trent’anni dopo i pool antimafia e anticorruzione “si realizzano gli obiettivi di Cosa nostra”, dice Nino Di Matteo. Ecco come si stanno suicidando le toghe italiane. Andrea Pennacchi: “Draghi? È di destra, ma illuminata”.

Sabato 15 maggio in edicola con il Fatto Quotidiano
Dal 16 maggio solo FQ MillenniuM a € 3,90

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Da Amara a Palamara, non ci sono più i magistrati di una volta? Alle 15 la diretta di Fq Millennium con Gian Carlo Caselli

next
Articolo Successivo

“Il caso Khashoggi”, nel libro di Lillo e Pacelli le carte inedite sull’omicidio. Purgatori: “Ecco perché nel nostro Paese la politica non reagisce”

next