Si rifiutano di tornare a casa allo scattare del coprifuoco. Pure quando sono arrivate le forze dell’ordine. Succede a Milano dove sabato sera circa duemila giovani sono rimasti a stazionare nei pressi delle Colonne di San Lorenzo, uno dei luoghi simbolo della movida notturna cittadina. La zona era talmente affollata che è stato necessario l’intervento del servizio anti assembramenti della polizia. All’arrivo delle forze dell’ordine, la maggior parte delle persone è subito fuggita, ma un centinaio ha opposto resistenza con lanci di bottiglie e procurando tensioni.

L’azione, iniziata alle 22.45, è durata pochi minuti e si è risolta con la fuga dei violenti. Attorno alle 23 la polizia è poi intervenuta in corso di Porta Ticinese, non distante dalle stesse Colonne, per una lite tra uomini. Gli agenti sono riusciti a bloccare 3 persone, mentre un ragazzo è stato medicato dall’ambulanza. Episodio simile quello avvenuto in corso Garibaldi, in cui le persone che violavano il coprifuoco – stando a quanto riportano le forze dell’ordine – erano circa 1.500, ferme a bere dopo le 22. In questo caso, però, è bastato l’intervento della polizia perché l’area fosse sgomberata.

Problemi simili anche a Roma. Nella notte, più volte si è reso necessario l’intervento delle forze dell’ordine per riuscire a ridurre gli assembramenti nelle zone della movida nella Capitale. In particolare, i blitz si sono verificati nel Centro storico, nelle strade del cosiddetto ‘Tridente’ (quella che parte da Piazza del Popolo), dopo che già nel pomeriggio era stata rafforzata la vigilanza in Piazza Bologna, San Lorenzo e Trastevere. Qui gli agenti hanno deciso di chiudere temporaneamente le strade, in modo da far defluire le persone e ripristinare condizioni di sicurezza. Inoltre, anche la zona del litorale romano ha tenuto impegnati i caschi bianchi, che hanno potenziato la vicinanza nei pressi di Piazzale Magellano e a Piazzale Cristoforo Colombo.

A Torino, nella notte si è svolto un rave party al Parco Dora, nell’ex area industriale della città. Per il secondo weekend di fila, in tanti hanno violato il coprifuoco per una notte di musica sotto quello che resta delle acciaierie di un tempo. Un’iniziativa organizzata col passaparola sulle chat di messaggistica istantanea. Al momento sono in corso gli accertamenti del caso da parte delle forze dell’ordine

Episodio diverso è quello avvenuto a Padova. Qui, quella che è stata definita dai protagonisti un’iniziativa di “disobbedienza civile” ha riguardato un gruppo di “no mask” che ieri, dopo le 22, ammassati e senza mascherina si sono mossi verso il centro della città. A intercettarli sono stati alcuni uomini della Questura, impegnati nel controllo delle violazioni alle norme contro la diffusione del Covid-19. Gli agenti hanno identificato 14 persone, che sono state allontanate e verranno multate in base alle norme vigenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Rosario Livatino, il “giudice ragazzino” ucciso dalla “Stidda” è beato: proclamato nella cattedrale di Agrigento

next
Articolo Successivo

Movida a Napoli, violato il coprifuoco e zero distanziamento. La protesta dell’Associazione Fieristi Italiana nel centro storico: “Libertà”

next