L’hub di Novegro, alle porte di Milano, è semi-vuoto. Il motivo? In Lombardia mancano le dosi di vaccino. “La programmazione di oggi nell’hub prevede circa 2.100 persone. La capacità vaccinale del centro è di circa 5.000 utenti al giorno, questa diminuzione è dovuta a un problema nazionale ed europeo di rifornimento di vaccini“, ha spiegato il Sovrintendente Sanitario del San Donato, Valerio Alberti. Un problema quindi nazionale, e non dipeso dalla Regione, come avvenuto in precedenti disservizi. Fabrizio Preglisco, virologo all’Università degli Studi di Milano e direttore sanitario dell’ospedale Galeazzi, che ha preso parte in prima persona alla campagna di profilassi vaccinando chi oggi si è presentato all’hub, ha specificato che si tratta di una “leggera carenza in Lombardia di vaccini Pfizer e Moderna” e che “anche potendo andare al galoppo, momentaneamente si va ancora al trotto” nel ritmo di somministrazioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Treviso, la transumanza è spettacolare: il fiume di pecore tra i tornanti sembra non finire mai

next
Articolo Successivo

Covid, Pregliasco vaccina all’hub nel Milanese: “Necessario fare più dosi per arrivare entro luglio alla normalità come in Israele e Inghilterra”

next