Quella del 1 maggio “”è una vicenda che ha creato molto rumore ma è basata sulla manipolazione dei fatti, una vicenda che da parte di chi l’ha creata doveva dimostrare una censura da parte della Rai che non c’è stata“. Lo ha detto il direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza Rai. Di Mare è stato invitato a fare chiarezza sull’episodio che ha visto protagonista Fedez, invitato al Concertone del 1 maggio in onda su Rai3, e i vertici del servizio pubblico. Il cantante infatti ha denunciato dalla Rai per modificare il discorso a favore del ddl Zan e contro la Lega da portare sul palco dell’evento. Di Mare ha ribadito quando detto nelle ore immediatamente successive allo scoppio della polemica e ha difeso la vicedirettrice Ilaria Capitani

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’autodifesa di Di Mare con accuse a Fedez. “Telefonata manipolata, Rai non c’entra”. Il cantante: “Allora perché la sua vice era al telefono?”

next
Articolo Successivo

Caso Fedez, Di Mare in Vigilanza Rai attacca: “Telefonata montata. Complotto? Magari era un calcolo dell’artista per avere più consenso e like”

next