Un uomo di 36 anni di Fasano, in provincia di Brindisi, si è travestito da infermiere ed è andato in ospedale, nel reparto Covid di Ostuni, per assistere il padre ricoverato. Una volta scoperto, l’uomo è stato denunciato per “diffusione di una malattia infettiva” e “interruzione di pubblico servizio” ed è stato inoltre sanzionato dai carabinieri per il mancato rispetto delle norme anti Covid, spostandosi senza autocertificazione dalla zona rossa. L’uomo è stato inoltre costretto dalla Asl di Brindisi a una quarantena domiciliare.

“In particolare – spiegano i militari – l’uomo, indossando una tuta da lavoro usa e getta, dei copri calzari improvvisati e una mascherina del tipo ffp2, si è introdotto nel Reparto Covid-19 dell’ospedale di Ostuni, dove si trovava ricoverato il genitore, per assicurarsi personalmente delle sue condizioni di salute”. L’uomo è stato fermato dal personale dell’ospedale, scoperto perché “si era allontanato dal reparto senza adottare alcuna cautela per prevenire la diffusione del virus. L’episodio ha distolto dai loro compiti diversi medici del reparto, tanto da ritardare il soccorso all’anziano”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili