Lo scorso venerdì 9 aprile nella casella di posta elettronica di molti cittadini sono arrivate delle finte e-mail dell’Agenzia delle entrate. Nelle ore successive alle segnalazioni, l’ente ha fatto sapere che si tratta di e-mail in cui si parla di incoerenze emerse durante la comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva inviata dal contribuente alle Entrate, spesso accompagnate da un file malevolo in formato .zip. In sostanza un virus informatico.

E’ stata la stessa Agenzia ad indicare come evitare problemi, o contaminazione dei propri strumenti tecnologici. “Nel ricordare che l’Agenzia non invia questo tipo di comunicazioni in alcun caso – scrive – si raccomanda di cestinare l’email, qualora fosse stata ricevuta, senza aprire alcun allegato (regola base in qualsiasi caso di e-mail sospetta, ndr). In caso di dubbi è possibile consultare la sezione “Focus sul phishing” sul sito ufficiale delle Entrate, dove periodicamente vengono riportati degli avvisi sulle ultime e-mail-truffa in circolazione, oppure contattare il call center al numero 800.909696 e chiedere conferma”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

No Tav, notte di tensione in Val Susa per l’avvio dei lavori del nuovo autoporto. Polizia sgombera presidio degli attivisti: scontri – video

next