Prosegue in Turchia il maxi-processo che vede imputate 497 persone, accusate a vario titolo di aver partecipato alle azioni eversive la notte del fallito colpo di stato del 15 luglio 2016. Ergastolo aggravato, una sorta di 41 bis, per l’ex tenente colonnello Umit Gençer, che lesse sulla tv di stato Trt la dichiarazione dei golpisti, l’ex colonnello Tanju Poshor, che guidò l’occupazione della stessa sede della Trt e l’ex capo della guardia del palazzo presidenziale di Recep Tayyip Erdogan, l’ex maggiore Osman Koltar la stessa condanna. Ma, oltre a loro, anche ad altre persone è stata inflitta la stessa pena.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cargo olandese in difficoltà tra onde altissime, il salvataggio con gli elicotteri della guardia costiera norvegese è spettacolare

next
Articolo Successivo

La realpolitik vince sui diritti umani: lo abbiamo visto con Renzi, ora anche Draghi

next