“Il disegno di legge Zan non toglie diritti a nessuno, ma li dà a chi non ne ha”. A dirlo a gran voce è Fedez che oggi ha organizzato una diretta Instagram con il deputato del Partito democratico Alessandro Zan, “lo stesso Zan che dà il nome al disegno di legge Zan”, per parlare della legge contro l’omotransfobia, approvata alla Camera ma ora bloccata al Senato a causa dell’ostruzionismo della Lega, chiarendone i principi e gli obiettivi. “Bisogna spiegare che il rispetto verso le differenze è un valore, non un problema, quando rispetteremo le persone a prescindere dalle condizioni personali sarà una società più giusta – ha spiegato il deputato Zan -. Educare che blu è maschio e rosa è femmina, che l’uomo non può piangere e la donna sì, sono concetti anticamera della violenza da adulti. È un paese civile quello che due persone non possano girare mano nella mano perché rischiano un’aggressione?”.

Fedez ha poi chiesto a Zan cosa si può fare in concreto per aiutare l’approvazione di questa legge e, assieme alla moglie Chiara Ferragni, hanno suggerito alle oltre 30mila persone collegate di firmare la petizione e mandare una mail al Presidente della commissione giustizia del Senato per chiedergli di calendarizzare finalmente la discussione in Aula.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maria Giovanna Maglie contro Chiara Ferragni: “La depressione post partum la porta a fare denunce politiche”. La replica: “Ridicolizza situazione grave”

next
Articolo Successivo

Fedez e il deputato Pd Alessandro Zan: “Chi non vuole questa legge pensa ancora che le persone transessuali e omosessuali siano sbagliate”

next