È lo sforzo finora più consistente da parte di un ordine della Chiesa cattolica per far ammenda del suo antico coinvolgimento nel commercio degli schiavi. L’ordine dei gesuiti, a cui appartiene anche Papa Francesco, ha deciso di fare mea culpa per il loro passato di schiavisti e si impegna a raccogliere cento milioni di dollari in un fondo di riparazione per i discendenti degli uomini, donne e bambini da loro tenuti in schiavitù all’inizio dell’Ottocento.

L’ordine religioso e la GU272 Descendants Association, che prende il nome dai 272 schiavi venduti dalla Georgetown University 183 anni fa per salvarsi dalla rovina finanziaria, hanno creato una fondazione – la Descendants of Truth and Reconciliation Foundation – con l’obiettivo di promuovere iniziative di riconciliazione e giustizia razziale. Ne danno notizia il “New York Times” e la rivista dei gesuiti Usa “America“.

L’iniziativa cade in un momento in cui richieste di riparazione per la piaga della schiavitù si levano in Congresso, nei campus universitari e nella società civile americana in generale. Un obiettivo “fattibile” nel primo mandato della presidenza di Joe Biden, secondo il consigliere della Casa Bianca Cedric Richmond.

“Per i gesuiti è l’opportunità di avviare un processo molto serio di verità e di riconciliazione”, ha detto padre Timothy P. Kesicki, il presidente della Conferenza dei gesuiti nordamericani: “La nostra storia vergognosa di padroni di schiavi è stata rimossa dagli scaffali e non ci tornerà mai più”.

L’intesa è frutto di negoziati scaturiti da un’inchiesta del New York Times del 2016 che aveva messo in luce la vendita per 115 mila dollari (3,3 milioni di dollari di oggi) di quasi 300 schiavi che lavoravano nelle loro piantagioni del Maryland. Famiglie intere vennero sradicate e divise nella spedizione del carico umano verso i nuovi padroni della Louisiana. Gli schiavi servivano ai gesuiti per finanziare attività pastorali e una crescente rete di parrocchie, missioni e scuole. Altre università tra cui Harvard hanno ammesso di avere avuto schiavi, ma la vendita di Georgetown cinque anni fa si fece notare per il suo volume.

In seguito all’accordo, i gesuiti hanno depositato 15 milioni di dollari in un fondo a sostegno della fondazione. Hanno poi ingaggiato una società specializzata in raccolta fondi con l’obiettivo di rastrellare la somma rimanente nell’arco di tre o quattro anni. I discendenti degli schiavi avevano chiesto un miliardo di dollari che “resta l’obiettivo di lungo termine”, hanno detto padre Kesicki e Joe Stewart, il presidente della nuova fondazione un cui antenato, Isaac Hawkins, fu venduto per salvare Georgetown dalla rovina finanziaria.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brasile, annullate quattro condanne a carico di Lula ma il processo dovrà ricominciare

next
Articolo Successivo

La lettera a Mattarella dei genitori delle ragazze morte in Erasmus: “Non è stato fatto nulla, solidarietà ipocrita dei politici”

next