Nicola Zingaretti è vittima di “attacchi ingiustificati e ingenerosi” e adesso bisogna chiedere “unitariamente” al leader Pd di “ripensare alla sua decisione”. Lo ha detto il vicesegretario Pd, Andrea Orlando, in una dichiarazione fuori dal Nazareno. “Credo che la sua scelta implichi e richieda uno scatto e una risposta unitaria. E credo che unitariamente si debba chiedere a Zingaretti di ripensare alla sua decisione”. Orlando evita di rispondere alle domande dei cronisti. Cosa che invece non fa Luigi Zanda: “No non me l’aspettavo. Io penso che le dimissioni di Zingaretti debbano essere respinte all’unanimità dall’assemblea. Penso che Zingaretti abbia gestito benissimo il Pd in una fase molto difficile della storia d’Italia, ha tenuto unito il partito e garantito governabilità al Paese. Penso che queste dimissioni possano essere respinte dall’assemblea” afferma il senatore dem.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Zingaretti si dimette e accusa il partito: “Mi vergogno che si parli di poltrone mentre esplode la pandemia”. Da Conte a Di Maio, la vicinanza del M5s. Leu: “Era l’ultimo ostacolo alla normalizzazione”

next