In questi 12 mesi è stato messo in evidenza come il Covid-19 abbia cambiato le esigenze degli italiani in materia di casa: ampi spazi e uno sfogo all’esterno sono le caratteristiche maggiormente ricercate da chi vuole comprare un immobile in epoca di pandemia, anche a scapito della centralità della zona. Ma le cose sono diverse se invece si cerca un appartamento in affitto. L’ultima analisi dell’Ufficio Studi di Immobiliare.it ha infatti evidenziato che i desideri di chi acquista e quelli di chi opta per la locazione sono spesso differenti o addirittura in contrasto.

Metri quadri a confronto: per l’affitto ne bastano di meno

Per capire subito questa differenza facciamo l’identikit della casa dei sogni da comprare. A inizio 2020 chi cercava una casa si accontentava di 3 locali e non era particolarmente interessato alla presenza di un balcone o di un terrazzo. Poi sono arrivati il Covid-19 e i conseguenti lockdown: i locali sono diventati 4, mentre le ricerche di spazi all’aperto sono cresciute di oltre il 10% in un anno. Non solo, anche le preferenze per soluzioni indipendenti (dalle villette a schiera ai casali) sono cresciute del 12,3%. Chi invece era intenzionato ad andare a vivere in affitto prima della pandemia voleva una casa di almeno 63,5 metri quadrati: esattamente come chi la cerca adesso. Quando si parla di locazioni, dunque, non emerge la necessità di metri quadri in più, anzi: la superficie massima è addirittura scesa da 90,7 mq a 88,9.

Aumenta il budget per il canone, ma non cresce quello per l’acquisto

Altri due elementi mettono bene in luce le tendenze diametralmente opposte fra locazioni e acquisti post Covid-19. Mentre le ricerche di chi vuole comprare si concentrano su zone limitrofe alla città, dove si possono trovare case più ampie a costi inferiori, quelle di chi vuole affittare sono rivolte ad aree urbane centrali e ben servite. Inoltre, pur di vivere in un appartamento posizionato in un quartiere migliore e in buone condizioni si è anche disposti a spendere più di prima: il budget minimo per il canone è infatti passato da 389 a 415 euro, ovvero un aumento significativo del 6,3%. Al contrario, la spesa massima per l’acquisto è cresciuta solo dell’1,3% in un anno, a fronte però di un balzo del 7% in più per quanto riguarda la superficie minima richiesta.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Le occasioni delle case a 1 euro: dove si trovano

next
Articolo Successivo

Bonus prima casa, nuovi termini per le scadenze

next