Non siamo “low-cost”, ma “smart-buy”, fanno sapere da Dacia. La filosofia che inaugura il nuovo corso del brand romeno è dare al mercato un prodotto emblema dell’acquisto intelligente – smart buy, per l’appunto – e scardinare l’idea che Dacia sia principalmente sinonimo di “risparmio”, soprattutto di compromesso tra qualità e costo.

Una filosofia che il brand generalista del gruppo Renault vuole concretizzare a partire dalla gamma Sandero, rinnovata nelle sue versioni suv e crossover già dalla fine dello scorso anno e che ad oggi, con gli ordini aperti da appena due mesi, ha portato oltre 7 mila clienti, che rappresentano la metà degli ordini complessivi della Dacia.

Quasi il 75% di questi, poi, sono tutti per la Stepway. Con la terza generazione, la cinque porte sembra essersi fatta più accattivante, sia fuori che dentro. Pur mantenendo tutto sommato le stesse dimensioni della generazione precedente, la carrozzeria mostra linee più pulite trasmettendo all’auto una personalità più moderna, aspetto questo che viene rafforzato anche dai rinnovati fari a LED dalla caratteristica “Y-shape”, pensati per migliorare la visione notturna.

Soprattutto, poi, debutta la piattaforma CMF-B, la stessa che Renault ha scelto anche per le nuove Captur e Clio: questa porta con sé una carreggiata più ampia di 29 mm (e di conseguenza una tenuta di strada maggiore) e un’acustica dell’abitacolo migliorata, ottenuta rendendo l’alloggiamento del blocco anteriore e della scocca più leggero e rigido.

Ma i miglioramenti della terza generazione riguardano anche sicurezza e tecnologia. Infatti sbarcano sulla nuova Stepway anche i sistemi di assistenza alla guida, come la frenata automatica d’emergenza, il cruise control, l’assistenza al parcheggio e il sensore angolo morto.

Quanto alle motorizzazioni, Dacia propone sul crossover l’alimentazione combinata benzina-GPL e il Tce 90, entrambi motori 1.0 a 3 cilindri turbo, mentre fa il suo ingresso un nuovo cambio automatico CVT e la nuova trasmissione manuale a 6 rapporti.

A fronte di tutte le novità, Dacia Sandero resta però davvero competitiva nel prezzo: il listino parte da 12.600 euro, con due allestimenti disponibili, Essential e Comfort.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mercedes Classe C, è tutta nuova. Sembra un’ammiraglia e punta sull’ibrido – FOTO

next