Una frana ha interessato nel pomeriggio il cimitero di Camogli, in provincia di Genova. La roccia ha ceduto lungo l’Aurelia facendo quindi crollare una parte del cimitero, situato sulla linea di costa della località turistica, a circa 50 metri sul livello del mare, tanto che numerose bare, circa 200 secondo, sono finite in mare. Il crollo ha interessato anche due cappelle e le salme contenuto al loro interno. Sul posto sono immediatamente arrivate le squadre dei vigili del fuoco di Rapallo per mettere in sicurezza le bare rimaste in bilico, mentre il nucleo sommozzatori è intervenuto per il recupero di quelle finite in acqua. Altre sono invece rimaste incastrate sugli scogli e tra la terra portata dalla frana e il loro recupero è al momento difficoltoso. Sul posto anche il nucleo Nbcr per la prevenzione del rischio biologico. Vietato, al momento, l’accesso al cimitero, ma non si registrano feriti.

Il crollo sarebbe stato provocato dall’erosione della falesia sotto all’area cimiteriale, aggravata con ogni probabilità dalle violente mareggiate che hanno colpito la Liguria negli ultimi anni. Tino Revello, assessore ai Lavori Pubblici del comune di Camogli, ha spiegato all’ANSA che la zona era sotto osservazione da tempo ed erano in corso lavori per il consolidamento della falesia rocciosa sotto al cimitero: “L’area era stata anche transennata perché negli ultimi giorni si erano uditi strani scricchiolii”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, 9.630 nuovi casi con 170.672 tamponi. I morti sono 274

next
Articolo Successivo

Giovanni Gozzini sospeso dal rettore di Siena per gli insulti a Giorgia Meloni

next