“Mi candiderò all’organo collegiale del Movimento 5 stelle, se sarà possibile”. Lo dice il senatore Nicola Morra, uno dei volti storici del M5s e oggi sotto accusa dal suo stesso gruppo per aver votato no alla fiducia al governo Draghi. “Io nel dna mi sento ancora nel Movimento. E quindi voglio provare a recuperare senso e valore alla mia azione politica. Scissione? Se ne parla sempre ma non ci sarà”

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Bonafede: “Serve un gruppo compatto per incidere in Parlamento e difendere il lavoro fatto”

next
Articolo Successivo

Campania, De Luca: “Inevitabile per noi zona arancione”. E attacca Zaia: “Basta con propaganda sgangherata su acquisto vaccini”

next