“Io ho votato sì ritendendo che fosse fondamentale per un momento così delicato sostenere il governo ed essere compatti come Movimento 5 stelle. Perché la compattezza è fondamentale per incidere in parlamento. È chiaro che si è formata una frattura molto forte, ne prendo atto, ma andiamo avanti”. Così l’ex ministro della Giustizia Alfonso Bonafede risponde ai cronisti che gli chiedono un commento sulla spaccatura interna al Movimento. Poche ore fa infatti Crimi ha annunciato l’espulsione dei 16 deputati hanno votato no alla fiducia al governo Draghi. Fuoriuscite che si vanno a sommare a quelle dal Senato, dove sono stati 15 gli eletti a dire no al nuovo esecutivo. “La giustizia è un settore che noi difenderemo – sottolinea Bonafede – io lavoro, avendo come obiettivo la compattezza che ci consente di essere eforti a portare avanti la battaglie del Movimento 5 stelle. Ma non posso costringere i parlamentari a votare la fiducia. A me interessa solo lavorare nel rispetto del mandato che ci è stato dato dai cittadini”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Crippa: “I dissidenti sapevano che andavano verso espulsione. Avevamo avvisato”

next
Articolo Successivo

M5s, Morra: “Confermo la mia candidatura all’organo collegiale. Voglio ridare senso e valore alla mia azione politica”

next