Finisce con un’archiviazione l’indagine della procura di Napoli sui quattro vigili urbani di Salerno assunti nella segreteria del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. I pm avevano accusato il governatore di aver “favorito” il suo autista e altri tre ex vigili inserendoli come membri dello staff, pur essendo privi di formazione e dei titoli necessari, per aumentarne gli stipendi. I reati ipotizzati erano quelli di abuso d’ufficio, falso ideologico e truffa, ma ora, riferisce Repubblica, tutte le accuse sono decadute.

Il presidente, sentito dagli investigatori, avrebbe spiegato ai magistrati che i quattro vigili non erano dei semplici autisti ma rappresentavano, in sostanza, una vera e propria segreteria mobile. Sulla vicenda ha aperto un procedimento anche la Corte dei Conti della Campania, per un presunto danno erariale da 400mila euro, che ha citato in giudizio il governatore De Luca.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diffamò la giornalista Fabiana Marcolini: il Prefetto di Cremona Gagliardi condannato a pagare 1.000 euro di multa

next
Articolo Successivo

Autostrade, altri 6 mesi di indagini e nuovo reato per il crollo della galleria sulla A 26 e sui tunnel senza sistemi di sicurezza

next