Dopo gli arrivi di tre deputati da Forza Italia, Giovanni Toti, leader di ‘Cambiamo’ e presidente della regione Liguria, ha lanciato con una conferenza stampa in piazza Montecitorio a Roma la nuova componente del gruppo Misto alla Camera del partito (insieme a ‘Popolo Protagonista’, ndr). Un primo passo per la creazione di un nuovo contenitore politico, di stampo centrista, che possa andare oltre le attuali formazioni politiche, puntando ai delusi forzisti in primis, ma non solo. “Un’opa su Forza Italia? Se ci aspettiamo altri arrivi? Ma no, è un partito alleato, ma siamo aperti a dialogare con tutti, siamo alternativi a sovranisti e sinistra“, spiega Toti. Convinto che si possa creare un nuovo spazio al centro: “Se potremmo condividerlo con Matteo Renzi e Italia Viva? Noi siamo per allargare il centro del centrodestra, poi vedremo in questi due anni come evolverà lo scenario politico”, ha aggiunto.

Precisando di essere pronto a collaborare anche per una nuova legge elettorale, a stampo ovviamente proporzionale, per mantenere viva la prospettiva dello spazio politico centrista. Ora però l’obiettivo è quello di ottenere posti anche al governo, in attesa che vengano definite le nomine di sottogoverno, con viceministri e sottosegretari: “Nel centrodestra siamo stati i primi a dire che non si poteva dire di ‘no’ al governo Draghi, non chiedendo nulla in cambio. Ma certo sarebbe corretto dare rappresentanza a tutti per rafforzare l’esecutivo, più che dare un contentino a qualcuno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pinotti: “Alle donne del Pd i posti da sottosegretario? Antistorico dare loro posizioni minori quando sono protagoniste nel mondo”

next
Articolo Successivo

Governo Draghi, alle 10 il premier in Senato per la fiducia. I numeri, le provocazioni della Lega e l’incognita dei 5 stelle

next