La nota app di messaggistica istantanea WhatsApp torna ad aggiornarsi in versione beta sul Google Play Store, aggiungendo un’importante funzionalità, attesa da un po’ di tempo, come la possibilità di disattivare l’audio relativo ai video prima che gli stessi possano essere inviati.

La novità è stata rilasciata proprio nelle ultime ore ed arriva con la nuova versione dell’app, nello specifico la 2.21.3.13, che segue a pochi giorni di distanza l’update rilasciato per le versione web e desktop. In questi casi però non si faceva riferimento a questa novità ma all’aggiunta dell’autenticazione biometrica.

Passando alla pratica, la nuova possibilità è individuabile grazie alla presenza di un pulsante dedicato, implementato nella schermata di modifica per i video, più nello specifico, quella che gli utenti visualizzano prima che il filmato sia pronto per essere inviato ad un altro utente. Questa funzione è disponibile sia per i video da inviare nelle conversazioni tra singoli utenti che in quelle di gruppo.

Il procedimento da seguire è molto basilare dunque, per prima cosa bisogna quindi selezionare il video che si vuole condividere, entrare nella schermata dedicata alla modifica dei video, pigiare sull’iconcina presente a forma di speaker e l’audio verrà così disattivato automaticamente e l’utente potrà così condividere il video.

L’ultima versione in beta dell’app di WhatsApp è già disponibile per il download attraverso il Play Store ma ad una condizione chiaramente, ossia che si sia iscritti al programma di beta tester. In alternativa sarà comunque possibile accedere in anteprima alla funzionalità, se non si vorrà attendere il rilascio ufficiale per tutti gli altri utenti, ossia attraverso il download dell’APK.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Samsung Galaxy S21 5G recensione, smartphone completo ma non perfetto

next
Articolo Successivo

Xiaomi Mi 11 5G, sbarca in Italia lo smartphone alternativo ai top gamma mainstream

next