Google sta lavorando a una riprogettazione del Play Store, volta soprattutto all’eliminazione del cosiddetto menu hamburger, ossia quello indicato dalle tre linee orizzontali sovrapposte (attualmente posto in alto a sinistra), spostandone le funzioni principali all’interno del menu richiamabile dall’icona utente, che attualmente raccoglie invece solo gli elementi che servono per cambiare profilo. Si tratta di una soluzione non nuova per Google, che anzi man mano la sta adottando in tutte le proprie app.

La nuova pagina delle impostazioni è costituita da quattro sottomenu: Generale, Controlli utente, Famiglia e Informazioni. Presumibilmente sarà possibile espanderli cliccando la freccia rivolta verso il basso accanto a ciascuno di essi, così da accedere a tutte le opzioni.

Mentre però Generale, Controlli utente e Informazioni sono già disponibili nelle impostazioni del Play Store come sezioni separate, Family è nuovo. Google sta spostando il controllo genitori da Controllo utente lì, insieme a un nuovo link alla guida parentale.

La nuova interfaccia rende l’aspetto molto più pulito, anche se potrebbe essere necessario un tocco aggiuntivo per arrivare alla voce necessaria, ma la gerarchia chiara potrebbe comunque semplificare la ricerca dell’opzione ricercata. Come per qualsiasi funzione in test, non è garantito che questa interfaccia utente sarà distribuita: Google potrebbe infatti anche decidere di eliminare del tutto la nuova funzione se i risultati dovessero essere insoddisfacenti, sebbene come detto, trattandosi di un cambiamento già implementato in molte altre app Google, è assai improbabile che venga scartato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Google Chrome, l’ultimo aggiornamento corregge una grave vulnerabilità

next
Articolo Successivo

macOS, Apple non ha ancora corretto un pericoloso bug

next