Da una parte ci sono gli inquilini che, specialmente nelle grandi città, si ritrovano a spendere cifre esorbitanti per appartamenti anche molto piccoli, dall’altra ci sono i proprietari su cui pesano tasse e tributi. È possibile trovare un accordo che soddisfi entrambi? Sì, grazie all’affitto a canone concordato di cui Immobiliare.it ha stilato una pratica guida.

Canone concordato: che cos’è e come si calcola

A differenza del canone libero, quello concordato è caratterizzato da un importo fisso e calmierato, ovvero con tariffe solitamente molto inferiori a quelle di mercato. A stabilire le quote minime e massime sono le rappresentanze insieme con i sindacati dei proprietari e degli inquilini, che valutano una serie di fattori come la zona in cui si trova l’appartamento, le condizioni dello stabile, la presenza o meno di ascensore e portineria, ecc. Si tratta di accordi locali, per cui il prezzo al metro quadro può variare da Comune a Comune e non c’è dunque una uniformità a livello nazionale e nemmeno regionale.

Quando si può applicare e come

Non ci sono limitazioni per quanto riguarda l’immobile: può essere una stanza così come una qualsiasi proprietà privata concessa a uso abitativo o transitorio. La durata è stabilita dalla legge e prevede diverse opzioni: si va da un minimo di 30 giorni per i contratti transitori (con durata massima di 18 mesi) a 6-36 mesi per gli affitti a studenti universitari, a 3 anni + 2 di rinnovo automatico. Per il resto non ci sono vincoli o condizioni particolari che regolino il rapporto fra le parti, e il contratto si registra presso l’Agenzia delle Entrate proprio come una “normale” locazione.

Vantaggi per tutti

Dal punto di vista dell’inquilino il vantaggio è evidente, tanto più se consideriamo che, per le fasce di reddito deboli, ci sono anche delle agevolazioni fiscali. Ma per il proprietario? Ne elenchiamo alcuni: riduzione considerevole di Imu e Tasi, cedolare secca al 10%, da poco confermata per tutto il 2021, riduzione della base imponibile per Irpef e imposta di registro, fondi di garanzia, agevolazioni e contributi erogati da Enti locali. Questi ultimi variano a seconda delle misure predisposte dal Comune: per esempio Milano ha introdotto il contributo “Superaffitto Breve”, dedicato ai giovani di età tra 20 e 35 anni.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nel 2020 i prezzi delle case sono cresciuti del 2,5%

next
Articolo Successivo

Tasse e imposte: quali si applicano sull’acquisto della prima casa

next