Di fronte alle dimissioni del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il centrodestra si dice pronto a “salire unito al Quirinale”, e cioè all’avvio delle consultazioni. “I litigi di Conte e Renzi li stanno pagando gli italiani. Il governo porti avanti i provvedimenti urgenti – ha detto Matteo Salvini al termine del vertice di centrodestra – poi restituisca la parola agli italiani”. Secondo il leader della Lega, non ci sarà alcun “responsabile” nel centrodestra. Dello stesso parere Giorgia Meloni, che uscendo dal vertice ha parlato di “pantomima indegna”. “Si conferma una compattezza del centrodestra – ha specificato – Vogliamo dimostrare che c’è un’alternativa”. La leader di Fratelli d’Italia ha poi specificato che il centrodestra ha dato “ampia disponibilità” anche se si dovessero sciogliere le camere “a essere responsabili” sui temi importanti, come il Recovery Fund.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Successivo

Governo, Marcucci: “Sì a Conte ma non a tutti i costi, il buonsenso ci spinge al reincarico. Esecutivo con FI? Possibilità molto remota”

next