Un progetto per insegnare la programmazione informatica ai rifugiati, per promuovere l’inclusione e l’inserimento lavorativo e contribuire all’innovazione digitale del Paese in cui si trovano. È l’idea di Powercoders, che dal 2017 offre corsi intensivi e opportunità di inserimento in aziende operanti nel settore It (Information Technology). A febbraio 2021 Powercoders arriverà a Milano e prenderà avvio il secondo corso in Italia destinato a una classe di 20 studenti rifugiati. A sostenere il progetto è Reale Foundation, in collaborazione con Unhcr e il Comune di Milano. “Siamo felici come amministrazione di sostenere il progetto – ha dichiarato l’assessora alle Politiche per il Lavoro Cristina Tajani – Significa rendere tanti giovani rifugiati autonomi e artefici del proprio futuro, capaci di essere vere e proprie risorse per la società in cui vivono e le imprese in cui lavoreranno”.

A causa dell’emergenza Covid-19 il corso si terrà in modalità remota grazie all’utilizzo della piattaforma digitale IdeaTre60, di Fondazione Italiana Accenture, pensata per favorire l’utilizzo della tecnologia come acceleratore di innovazione sociale. I partecipanti acquisiranno competenze tecniche tramite lo studio dei principali linguaggi di programmazione web e competenze trasversali per sviluppare soft skill e abilità sociali e comunicative.

Il percorso è nato quattro anni fa in Svizzera e si è consolidato anche in Italia a Torino, coinvolgendo oltre 200 studenti. Tra i partecipanti, il 60% ha trovato uno stage dopo il corso e l’80% è entrato produttivamente nel mondo del lavoro. Il progetto è stato citato da Unhcr Italia, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati in Italia, come un “esempio virtuoso di formazione e inclusione socio-lavorativa”. “Il progetto permette ai rifugiati di esprimere il loro talento rispondendo allo stesso tempo alle esigenze di un settore in forte crescita – ha detto Chiara Cardoletti, rappresentante Unhcr – Opportunità come questa sono esempi di strategie di integrazione che valorizzano i rifugiati come risorse per le imprese e per il bene comune.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Anche per i bambini rifugiati tornare a scuola è importante”: l’appello dell’attrice Cecilia Dazzi per la campagna dell’Unhcr – Video

next
Articolo Successivo

Giornata della Memoria, Sami Modiano e l’arrivo a Birkenau: “Le botte a mio padre, la rasatura, il pigiama a righe, il tatuaggio: ero B7456”

next