Palermo, 10 anni, bambina, video, soffocamento, fine.
Le parole sbagliate sono l’ultimo livello di una educazione che non sa e non vuole aggiornarsi. Hanno preso il sopravvento e ci restituiscono una cronaca che probabilmente aiuta noi adulti ad assolverci.

Realtà: la realtà è una sola ma le versioni virtuale, digitale e aumentata l’hanno declinata a vite parallele che sfuggono al controllo educativo dei grandi (troppo presi a dar l’esempio di come non va usato il “progresso” tecnologico).

Pericolo: in questo caso il web è colpevole di pericolo, come un Vajont che viene giù e l’assassino è la natura. L’imputato, noi, non c’eravamo, in fondo abbiamo solo scaricato l’app ai nostri figli perché siamo noi ad aver l’età legale per farlo. Salvo prendere atto poi che abbiamo dato un consenso alla “realtà peggiorata”.

Scuola: la scuola faccia la sua parte, deve educare, la famiglia e bla bla bla. La scuola ha già di che sopravvivere, ma è sempre un ottimo alibi al genitore che non ha tempo perché non vuole averne e quindi chiede che la scuola si assuma le responsabilità di “fare la sua parte” (anche quella di genitore).

Gioco: rischiare di morire per un app, una sfida, una cazzata fatale non è un gioco. E’ la parte brutta, bruttissima, della vita, ma definirlo “gioco” pare giustificare il nostro esser stati colti di sorpresa. Son ragazzi… son bambini… resilienti… è solo un gioco. Era.

L’asticella della percezione della realtà si è abbassata anche grazie a un uso superficiale del significato delle parole: mantenendo la stessa pronuncia abbiamo applicato il lessico a un mondo in cui i figli ce li abbiamo, che piaccia o no, fatti entrare noi.

Questo non significa necessariamente che la colpa è del genitore, perché anche quando siamo impeccabili e presenti siamo comunque umani e minuscoli: non possiamo combattere da soli giganti che si insinuano nel taschino di ciascuno, infilando tra le dita la vertigine di avere tutto sotto controllo.

Da un lato ci siamo noi, adulti che sanno aggiornare un’app quando arriva la notifica (ma non vogliono aggiornare l’educazione applicandola alla modernità, pensando ancora che problemi nuovi si possano risolvere solo con soluzioni obsolete) e dall’altro c’è il Big Data riscrivendo la dichiarazione dei doveri universali dell’uomo con la complicità di governi che non agiscono.

Nel frattempo si muore anche così, nell’unica realtà che c’è sempre stata, quella reale, ma troppo impegnativa per competere col fascino di “giochiamo a fare finta che…”

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Shoah: contro i negazionismi serve più storia, non meno memoria

next
Articolo Successivo

Bambina morta a Palermo, così parlerei di lei alla sorellina che sta per nascere

next