Gira in tondo, come se fosse ancora in gabbia. Ma in realtà è stata liberata. È la commovente storia che arriva dal Libearty Sanctuary, a Zarnesti, in Russia. e che vede protagonista l’orsa Ina. Rimasta in cattività nello zoo di Piatra Neamt per 20 anni e ora libera grazie all’impegno della Ong Millions of Friends, insieme alla collaborazione della Guardia nazionale ambientale, Ina, secondo i volontari, “soffre di stress post traumatico”.

Intrappolata in una sorta di “gabbia virtuale”, nel filmato si vede l’orsa muoversi disegnando un cerchio, ma in realtà potrebbe muoversi liberamente per diversi chilometri nel santuario. Nello zoo l’orsa condivideva un piccolo recinto con la sorella Anca.

A distanza di alcuni giorni dalla diffusione del video, dalle pagine social del Santuario, l’Ong ha fatto sapere che ora Ina sta un po’ meglio, tanto che la si vede spesso riposare. “Ci occupiamo quotidianamente di attacchi post-traumatici degli orsi, ma non lo fanno sempre”, hanno voluto rassicurare.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brescia, sorpresa in mezzo alla neve: il rarissimo incontro con un gallo cedrone filmato da uno sciatore

next
Articolo Successivo

La volpe corre a tutta velocità lungo la strada: alle sue spalle un temibile predatore – Video

next