Il produttore cinese Meizu ha annunciato le Pop Pro, auricolari true wireless con cancellazione attiva del rumore che hanno il pregio di costare meno di 100 euro ed essere quindi molto accessibili. Le cuffie di tipo in-ear sono le prime del produttore a includere questo tipo di tecnologia ed esteticamente ricordano molto da vicino le Apple AirPods Pro, con un design a stelo e l’inconfondibile colorazione bianca con finitura lucida. Anche la custodia per la ricarica, inoltre, riprende l’aspetto di quella della cuffie di Cupertino, ma certo i prezzi di queste Pop Pro sono molto lontani da quelli delle cuffie del colosso californiano.

Al momento non sono noti molti dettagli degli auricolari. L’azienda cinese si è infatti limitata a spiegare che le cuffie integrano tre microfoni intelligenti che, lavorando in sinergia con un algoritmo, dovrebbero assicurare una soppressione efficace dei rumori provenienti dall’esterno, assicurando così un ascolto musicale e telefonate dall’audio sempre chiaro e pulito.

Secondo Meizu la riduzione del rumore ambientale arriverebbe fino a 35 db, mentre con una sola ricarica l’autonomia dovrebbe raggiungere le 6 ore e mezza (solo 4 però se si attiva la tecnologia di riduzione del rumore), mentre utilizzando l’apposita custodia per la ricarica, l’autonomia dovrebbe raggiungere le 20 ore complessive, sempre però senza la cancellazione attiva del rumore.

Per il momento le Meizu POP Pro sono già in vendita in Cina, con un prezzo equivalente a circa 63 euro. Al momento non sappiamo se il produttore voglia commercializzare le sue cuffie anche in Europa, ma in questo caso a quel prezzo andrebbero aggiunti i costi delle tasse e dell’importazione, che comunque non dovrebbero far superare alle cuffie la soglia dei 100 euro.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Huawei FreeBuds 3, auricolari wireless per Apple e Android su Amazon con 50 euro di sconto

next
Articolo Successivo

Microsoft Surface Pro 7+, ufficiale il restyling del tablet con processori Intel di ultima generazione

next