Il CES (Consumer Electronics Show) di Las Vegas è sempre stato palcoscenico per annunci importanti e per tecnologia all’avanguardia che raggiungerà le case dei consumatori solo nel successivo futuro. Lenovo quest’anno ha deciso di assottigliare un po’ il limite tra tecnologia attuale e fantascienza con il lancio dei suoi nuovi smart glasses ThinkReality A3, che saranno già disponibili a partire da quest’anno. Sarà questo tipo di realtà aumentata (AR) a plasmare il futuro della tecnologia?

I nuovi occhiali per la realtà aumentata Lenovo ThinkReality A3 sono probabilmente il prodotto più particolare e futuristico annunciato durante l’edizione 2021 del CES. Principalmente pensato per il mondo business, questo visore potrebbe permetterci di dare una prima occhiata a quello che forse sarà il futuro dell’interazione tra utente e PC oppure smartphone grazie alla cosiddetta realtà aumentata (AR).

“A3 è una soluzione di realtà aumentata di nuova generazione – leggera, potente e versatile. Questi smart glasses fanno parte di una offerta completa di soluzioni digitali integrate di Lenovo, che include questo avanzato dispositivo AR, il software ThinkReality e gli smartphone Motorola. Che si tratti di lavorare in spazi virtuali o di fornire supporto da remoto, ThinkReality A3 consente agli utenti di sfruttare le proprie competenze da qualunque luogo essi si trovino”, ha dichiarato Jon Pershke, Lenovo Vice President of Strategy and Emerging Business, Intelligent Device Group.

I Lenovo ThinkReality A3 si collegano ad un PC (PC Edition) oppure ad alcuni smartphone Motorola selezionati (Industrial Edition) tramite cavo USB Tipo-C e questo permette all’utente di utilizzarli in qualunque luogo si trovi. Gli smart glasses ThinkReality A3 si indossano come occhiali da sole e possono essere personalizzati con montature industriali opzionali per maggiore sicurezza e resistenza.

Lenovo ha collaborato con Qualcomm per la realizzazione di questo visore AR ultraleggero, infatti i Lenovo ThinkReality A3 sono basati sulla piattaforma Snapdragon XR1, appositamente pensata per questo tipo di prodotto. Dietro alle lenti sono presenti due display stereoscopici dalla risoluzione 1080p, i quali permettono la visualizzazione fino ad un massimo di 5 monitor virtuali, mentre una videocamera RGB da 8MP consente l’acquisizione di video FullHD e le due camere fisheye abilitano la tecnologia di room-scale tracking.

“ThinkReality A3 PC Edition si collega a un PC laptop o a una workstation portatile per consentire all’utente di attivare diversi monitor virtuali, anche di grandi dimensioni, nel proprio campo visivo e utilizzare software e applicazioni di Windows. I monitor virtuali aggiungono valore al PC, in termini di produttività, privacy ed esperienze immersive per interi settori quali finanza, architettura e ingegneria, ma anche per qualsiasi utente che lavora da remoto o in movimento dove gli spazi e la privacy sono limitati” ha spiegato l’azienda.

I monitor virtuali sono ottimizzati e compatibili con i con i principali PC laptop Lenovo ThinkPad e le workstation mobile con processori Intel e AMD Ryzen.

“ThinkReality A3 Industrial Edition è associabile a smartphone Motorola selezionati1 per svolgere attività a mani libere supportati da tecnologia AR in ambienti di lavoro complessi. La versione Industrial Edition è supportata dalla piattaforma software ThinkReality, che consente a utenti business di costruire, implementare e gestire applicazioni e contenuti di mixed reality su scala globale, con supporto a livello mondiale” continua Lenovo nel comunicato per la stampa. Gli occhiali smart Lenovo ThinkReality A3 saranno disponibili in mercati selezionati dalla metà del 2021.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Porsche Design AOC AGON PD27, recensione. Prestazioni e design, con qualche difetto

next
Articolo Successivo

OnePlus Band, ufficiale la nuova smartband che lancia la rincorsa a Xiaomi

next