Un protagonista dell’informazione della Rai. Prima con la direzione dei servizi speciali del Telegiornale nazionale, tra cui l’organizzazione della diretta dello sbarco sulla Luna nel 1969. Poi partecipando alla nascita del Tg2, di cui fu vice direttore e creatore di varie rubriche, tra cui “Tg2 Dossier”. Il giornalista Ezio Zefferi è morto all’età di 94 anni a Roma alla vigilia di Natale. L’annuncio della scomparsa è stato dato oggi dal sindaco di Castellammare del Golfo (Trapani), Nicolò Rizzo. Zefferi infatti era cittadino onorario di Castellammare dal 2010, doveva aveva scelto di vivere da pensionato. Tre anni fa però aveva lasciato la Sicilia per raggiungere la famiglia a Roma.

Nato a Tunisi il 5 settembre 1926, Ezio Zefferi iniziò l’attività di giornalista a “Momento Sera” e poi alla “Gazzetta di Mantova“. Nel 1954 partecipò al primo concorso per teleradiocronisti indetto dalla Rai e fu uno dei vincitori con, tra gli altri, Furio Colombo, Umberto Eco, Alfredo Pigna e Elio Sparano. Agli inizi degli anni ’60 realizzò vari documentari per programmi curati da Enzo Biagi e poi divenne curatore dei servizi speciali del Telegiornale succedendo a Sergio Zavoli. Fu Zefferi, ad esempio, nella notte tra il 20 luglio e il 21 luglio 1969 ad organizzare le varie fasi della lunga diretta dello sbarco sulla Luna da Roma con i giornalisti Tito Stagno, Andrea Barbato e l’inviato a Houston Ruggero Orlando.

Nel 1970 pubblicò il libro “Grandangolo – 10 anni di servizi speciali del Telegiornale“. Dopo la riforma del 1976 Ezio Zefferi partecipò con Andrea Barbato alla creazione del Tg2, dedicandosi in particolare alla cura delle rubriche giornalistiche di approfondimento, di cui divenne il responsabile (Tg2 Dossier, Grandangolo, Sestante…..). Al Tg2 concluse la carriera come vice direttore.

Ezio Zefferi coltivò sempre la sua passione per la musica e una volta lasciata la Rai nel 1986 fu nominato sovrintendente del Teatro Regio di Torino. Ha curato in seguito anche la regia di numerose opere liriche, come “La fanciulla del West” a Verona, “Rigoletto” a Bari, “Norma” a Padova, “Bohème” e “Forza del destino” a Cagliari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Harter Brocken’ è l’esempio perfetto della mafia per i tedeschi: divertente e stereotipata

next
Articolo Successivo

Nel 2020 sono stati uccisi 50 giornalisti in tutto il mondo. Il report Rsf: “Con il Covid quadruplicati gli arresti dei cronisti”

next