È la domanda che tutti gli esperti si fanno dall’inizio della pandemia: quanto dura l’immunità del nostro corpo al Covid-19 dopo che si è guariti dall’infezione? Ora uno studio australiano, pubblicato su Science Immunology, conferma quello che altre ricerche hanno già ipotizzato: almeno otto mesi. E potrebbe proteggerci anche per più tempo, dal momento che sono passati proprio otto mesi da quando l’emergenza sanitaria è esplosa in tutto il mondo, costringendo la comunità internazionale a interrogarsi sulle caratteristiche del Sars-Cov2. La notizia è importante anche perché rafforza la probabilità che i vaccini anti-Covid funzionino per lunghi periodi.

Lo studio, pubblicato il 22 dicembre sulla prestigiosa rivista scientifica, rivela che alcune cellule specifiche all’interno del sistema immunitario – chiamate cellule B della memoria – “ricordano” l’infezione da parte del virus e attraverso la riesposizione al virus stesso innescano una risposta immunitaria protettiva. Il nostro corpo, quindi, inizia una rapida produzione di anticorpi così come avviene per altri agenti patogeni. I ricercatori hanno reclutato 25 pazienti Covid-19 e prelevato 36 campioni di sangue dal giorno 4 dopo l’infezione al giorno 242. Come accaduto con altri studi, esaminando solo la risposta anticorpale, i ricercatori hanno scoperto che gli anticorpi contro il virus hanno iniziato a diminuire dopo 20 giorni dall’infezione. Tuttavia è emerso che tutti i pazienti hanno continuato ad avere cellule B della memoria, capaci di “riconoscere” uno dei due componenti proteici del virus Sars-Cov2.

Queste cellule B, specifiche del virus, sono rimaste stabilmente presenti nei pazienti fino a otto mesi dopo l’infezione. Secondo il professor Menno van Zelm, della Monash University, uno degli autori della ricerca, i risultati danno speranza sull’efficacia di qualsiasi vaccino contro il virus e spiegano anche perché vi siano stati così pochi esempi di vera reinfezione tra milioni di persone risultate positive al virus a livello globale.

Lo studio su Science Immunology

Memoriale Coronavirus

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus: cosa sappiamo della mutazione che arriva dal Sudafrica, diffusa tra i giovani e più contagiosa. “Ma servono dati di laboratorio”

next
Articolo Successivo

Tumore ovarico, ecco la “biopsia liquida” per pedinarlo e capirne l’evoluzione

next