“Come Camera dei Deputati manterremo ferma la nostra azione rispetto al chiudere le relazioni diplomatiche con l’Egitto“. Non si muove dalle sue posizioni Roberto Fico, presidente della Camera dei Deputati, dopo la drammatica ricostruzione degli ultimi giorni di vita di Giulio Regeni fornita ieri dalla Procura di Roma che ha presentato l’atto di chiusura delle indagini a carico di quattro membri della National Security del Cairo accusati di aver preso parte al rapimento, alla detenzione, alle torture e all’uccisione del ricercatore di Fiumicello.

Parlando nel corso di un’intervista ad al-Jazeera, l’esponente del Movimento 5 Stelle ha ammesso che “siamo rimasti senza dubbio sconcertati da quello che hanno scritto i magistrati della Procura italiana, sono delle accuse gravissime alla National Securtity egiziana. Si tratta di parole assolutamente agghiaccianti, una descrizione delle torture subite da Regeni. Oggi noi sappiamo che è stato seguito e intercettato per quaranta giorni dalla National Security egiziana. Sappiamo che è stato sequestrato. Sappiamo che è stato trattenuto prima in una caserma e poi in una stanza, la stanza numero 13 del ministero dell’Interno egiziano. Questa situazione è di una gravità assoluta”. Un trattamento che, sommato alla mancata collaborazione da parte delle autorità egiziane ribadita anche ieri dal procuratore capo di Roma, Michele Prestipino, e dal procuratore, Sergio Colaiocco, in audizione davanti alla commissione parlamentare di inchiesta sulla morte di Giulio Regeni, hanno portato la terza carica dello Stato a confermare l’interruzione dei rapporti diplomatici tra la Camera dei Deputati e l’Assemblea egiziana decisa alla fine del 2018.

Fico ha poi concluso dicendo che “tutto il popolo italiano è profondamente indignato” per come le autorità egiziane hanno prima ucciso e poi cercato di insabbiare le prove di ciò che è accaduto a Regeni.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regeni, Conte: “Processo italiano per arrivare alla verità, sono emersi elementi solidi nel corso dell’indagine della Procura di Roma”

next
Articolo Successivo

Recovery Fund, De Luca: “Ipotesi governo su utilizzo fondi è furto al Sud”. E accusa: “Ospedali privati milanesi speculano sui nostri malati”

next