La bara chiusa e preparata per il funerale lasciata ad aspettare sul retro della Rsa, tra cassonetti e sacchi di immondizia. È successo nella struttura per anziani di Montebuono, centro di 900 abitanti in provincia di Rieti, dove il 29 novembre era scoppiato un focolaio Covid. A denunciare l’accaduto sono stati i parenti della vittima, Tesolina Bernardini, 87 anni. L’anziana era stata contagiata, ma la direzione aveva detto ai familiari che era asintomatica. Dopo tre giorni, però, l’Rsa aveva contattato i parenti comunicando che l’anziana era morta.

“Ci hanno informato dopo ore, sostenendo che i nostri telefoni squillavano a vuoto – riferisce la nipote dell’anziana a Repubblica – Alla fine abbiamo scoperto che il medico della struttura era assente da dieci giorni perché positivo al Covid. Abbiamo subito presentato una denuncia“, ha raccontato.

Il 4 dicembre, il giorno del funerale, i parenti si sono recati alla Rsa per accompagnare il feretro in chiesa. Ma hanno trovato la bara lasciata sul retro della struttura, vicino alla spazzatura. “Hanno detto che per protocollo si fa così, non potendo utilizzare la camera ardente. Ma non si può fare così. Almeno un minimo di rispetto“, ha detto la nipote.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati: 662 morti nelle ultime 24 ore. Nuovi casi sono 21052 su 195mila tamponi. Mille ricoverati in meno in un giorno

next
Articolo Successivo

Toscana, Giani si inventa “i varchi” per permettere di muoversi in zona arancione. E in Valle d’Aosta riaprono le piste di sci di fondo

next