La Durham University, nel Regno Unito, ha realizzato un’animazione grazie a un supercomputer che mostra come è nata la Luna. Secondo la ricostruzione al computer: “Il satellite potrebbe essersi formato da una gigantesca collissione tra la terra primordiale e un altro oggetto, il pianeta Theia, delle dimensioni di Marte, 4,5 miliardi di anni fa”. Secondo la simulazione, suddivisa in più piccole simulazioni “ognuna rappresenta vari modelli esplosivi di detriti rocciosi provenienti dal punto di impatto, che alla fine potrebbero essersi raggruppati per formare la Luna”. Ecco la ricostruzione.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Remdesivir, tre scienziati Usa contro studio Oms: “Sbagliato dire che non funziona”

next
Articolo Successivo

Covid, Giuseppe Ippolito (Spallanzani): “È prioritario vaccinare chi non ha ancora avuto la malattia. I casi di reinfezione sono rari”

next