È morto nella sua casa romana Arturo Diaconale, giornalista e portavoce ufficiale della Lazio che da tempo lottava contro una malattia incurabile. Diaconale aveva 75 anni e negli ultimi tempi le sue condizioni di salute si erano aggravate.

Cordoglio dal mondo dello sport e della politica. La società di Formello, in un breve comunicato, ha scritto che “la S.S. Lazio, il suo Presidente, l’allenatore, i giocatori e tutto lo staff esprimono profondo cordoglio per la scomparsa del portavoce del club, Arturo Diaconale, e si uniscono al dolore della famiglia”.

Anche la Figc ha inviato le proprie condoglianze alla famiglia del portavoce laziale: “La Figc e il presidente Gabriele Gravina si uniscono al cordoglio della famiglia di Arturo Diaconale, scomparso nella notte all’età di 75 anni. Giornalista parlamentare, direttore de L’Opinione delle Libertà, nel corso di una lunga carriera ha rivestito la carica di vice-segretario nazionale della Federazione Nazionale Stampa Italiana e di segretario dell’Associazione Stampa Romana e dal 2015 al 2018 è stato membro del Consiglio di Amministrazione della Rai. Autore di numerosi saggi politici e da sempre grande appassionato di sport, dall’agosto 2016 era portavoce della S.S. Lazio”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cristiano Ronaldo, il campione che non può andare in panchina: l’assurdo privilegio lo paga la Juve

next
Articolo Successivo

Kitikaka (incursioni version) – Siamo tutti grigiorossi: nostro sms vaticinante in diretta tv e pareggio immediato della Cremonese

next