Il ricordo di Pierluigi Pardo è legato alla finale di Champions League del 2005, ad Istambul, persa dal Milan contro il Liverpool. In quel 2005 Maradona era inviato a Istambul come commentatore televisivo. “Arrivò allo stadio alle 7 di sera durante l’allenamento del Liverpool, tutti i giornalisti, gli stessi giocatori e i dirigenti del Liverpool si fermarono. La loro attenzione fu presa improvvisamente da Maradona. Questa era la forza del personaggio, era la vigilia della finale di Champions. E oggi vedo che la commozione e il rispetto è unanime, da parte di tutti, anche di quelli che lo hanno vissuto come un rivale, come gli inglesi”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Maradona, il ritorno in Argentina e quel tour d’addio inconsapevole lungo tredici mesi

next
Articolo Successivo

“Maradona? Portavamo un pianoforte sulle scale, l’unico che si fermò a offrirci aiuto fu proprio Diego”. Il ricordo di Vincenzo Imperatore

next