“Diego, è finita” era il titolo della Gazzetta dello Sport del 1° luglio 1994. Il Pibe de Oro escluso dal Mondiale americano per doping, fu in pratica la fine del Diego Armando Maradona calciatore. Oggi 25 novembre 2020 è finita davvero, per sempre. È iniziata la leggenda potrei dire, per lenire il dispiacere per una persona che scompare e che ha certamente dato spettacolo col pallone ai piedi. Era nato e cresciuto per fare quello, per essere quello che è stato in campo. Per alcuni una divinità, per altri il miglior giocatore di sempre. Quel che è certo è che con le sue giocate, il suo carisma e il suo essere trascinatore ha elevato le parabole di squadre che senza di lui non avrebbero vinto. Gli scudetti di Napoli o il Mondiale 1986 per l’Argentina.

La leggenda sarà il quarto capitolo della sua esistenza, perché continuerà ad esistere. Un’infanzia povera, poi la carriera da calciatore, eccelsa, quella dell’uomo fuori dal campo e, dopo aver appeso al chiodo gli scarpini, eccessiva e autodistruttiva. La morte a 60 anni appena compiuti non ci sottrarrà il ricordo del numero 10 per eccellenza, lo amplificherà, ciascuno ricorderà alcuni episodi, attimi di calcio rapidi come un suo dribbling, pennellate sul cuoio che non hanno avuto eguali. La notizia di oggi, un colpo al cuore, il nostro.

Arresto cardiaco. A tradire Diego, dopo un’operazione andata bene, è stato il cuore. Lo stesso che si sta stringendo ai tifosi di mezzo mondo, lo stesso che batteva forte al San Paolo: “O mama, mama, mama, sai perché mi batte il corazon? Ho visto Maradona, ho visto Maradona…”.

L’abbiamo visto giocare al calcio, questo privilegio è la consolazione che abbiamo e che lasciano solo i grandi di ogni epoca.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Diego Armando Maradona morto, Pelé: “Perdo un grande amico e il mondo una leggenda. Un giorno spero che potremo giocare a pallone insieme in cielo”. Franco Baresi: “È stato un onore affrontarti”

next
Articolo Successivo

Maradona, pensavamo fossi immortale ma in realtà eri un dio

next