Uno sciopero nazionale dei trasporti è in programma mercoledì 25 novembre 2020. Lo hanno indetto le sigle sindacali Usi e Usb e riguarderà anche lavoratori nel settore della scuola e della sanità. Lo stop sarà di quattro ore: durerà dalle 8:30 alle 12:30 e potrebbe interessare potenzialmente tutte le città italiane. A rischio non soltanto bus, metropolitane e linee ferroviarie regionali, ma anche aerei, navi e treni.

Usb e Usi – Proclamato dall’Usi e da Usb pubblico impiego-scuola, “coinvolgerà altre categorie del settore pubblico, in particolare lavoratori dei trasporti e sanità“, come la stessa Usb annuncia nel suo comunicato. A livello locale invece a indire lo sciopero sul trasporto pubblico è la sigla sindacale Usb Lavoro Privato. Secondo quanto riporta il comunicato, lo sciopero “si svolgerà secondo varie modalità a seconda della città coinvolta, pur mantenendo una durata complessiva di quattro ore“. A quanto proclamato dalle due sigle sindacali, partecipano allo sciopero: “tutto il personale a tempo indeterminato e determinato, con contratti precari e atipici, per tutti i comparti, aree pubbliche (compresa la scuola) e le categorie del lavoro privato e cooperativo”. Allo sciopero ha aderito anche il sindacato di Comparto Usi Surf, scuola università ed enti di ricerca.

La proposta – Il sindacato propone “un piano di messa in sicurezza e potenziamento dei servizi pubblici essenziali, quelli che servono a tutti, quelli che devono diventare il cuore della gestione di questa drammatica fase oggi, e domani del suo superamento”. Si legge nel comunicato: “L’esperienza della prima fase dell’emergenza non ha prodotto il necessario cambio di passo rispetto ad assunzioni stabili di personale e finanziamenti per mettere in atto tutte le modifiche che la “lezione” della Covid-19 ha chiaramente indicato. Era chiaro che con la riapertura delle scuole, a settembre, la curva dei contagi sarebbe nuovamente cresciuta”. “Ognuno di questi servizi essenziali deve essere messo nelle condizioni di garantire i diritti costituzionali per i quali ha ragione d’essere – salute, educazione e istruzione su tutti – e non può diventare luogo di trasmissione incontrollata del virus”, scrive Usb.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Negazionisti del Covid? Meccanismo di autodifesa dettato dalla paura”: le parole del primario di Rianimazione di Rivoli

next
Articolo Successivo

“A fine dicembre potremmo avere riduzione del 30% dei ricoveri, ma le persone rispettino le regole”: parla il primario del Sacco di Milano

next