di Andrea Taffi

Dopo la candida ignoranza di un commissario alla sanità calabrese su chi aveva il dovere di redigere il piano anti Covid-19 di quella regione; dopo l’allegra interpretazione sull’uso delle mascherine da parte del secondo commissario alla sanità, sempre della Calabria, sembrava di aver toccato il fondo. E invece no, c’è ancora tempo per raschiare. Il terzo commissario nominato dal Governo in dieci giorni in Calabria ci fa vivere l’esperienza (che come le altre avremmo tanto voluto evitare) di una rinuncia per sopravvenute esigenze familiari, ossia una moglie che non vuole trasferirsi a Catanzaro e che è così determinata nella sua volontà da minacciare di mettere in crisi il matrimonio se non viene accontentata. E infatti il marito l’accontenta e rifiuta l’incarico. E tre.

Ci sarebbe, però, un quarto candidato, uno tosto, un medico che ha lavorato per anni in territori difficilissimi dove la carenza di materiale, di medicine, di tutto può essere compensata solo da una immensa capacità, non ultimo umana. Questo candidato sarebbe in grado di ribaltare come un calzino la sanità della Calabria, di trasformarla in una eccellenza, di dimostrare come si fanno e si devono fare le cose, quando si hanno voglia e competenza.

Questo candidato sarebbe la dimostrazione di quanto il merito premia, di quanto siamo bravi anche noi, noi italiani, a fare le cose, quando ci mettiamo sul serio a farle, quelle cose. Per fare tutto questo il nostro candidato chiede (è ovvio) carta bianca; chiede (è altrettanto ovvio) di non essere il candidato di facciata, la bandierina di nessuno. Insomma chiede solo di poter lavorare, come sa fare, come ha fatto in luoghi difficili, difficilissimi.

Poi quel candidato viene chiamato: c’è l’accordo, dice. Tutto risolto, dunque? Dopo giorni di sbandamento e di nomine non proprio cristalline, finalmente il ravvedimento, l’uomo giusto al posto giusto? No. Fermi, fermi, mi spiego. È troppo bello per essere vero. Ci pensate? Un anno o forse due di Gino Strada in Calabria e il modello calabrese “rischierà” di diventare un brand nazionale, esportabile, brevettabile.

Tanto bello quanto inapplicabile. Dico questo (e con tristezza) perché il film non è originale, lo abbiamo già visto, purtroppo. Uomini capaci, chiamati a risolvere problemi immensi e poi criticati, osteggiati, delegittimati e costretti ad abbandonare, per coerenza con se stessi e le proprie idee. Gino Strada può invertire questo andazzo? Io credo di no.

Gino Strada è il Ronaldo che scende in campo nella partita tra scapoli e ammogliati. È quello che è successo prima, prima di quella partita giocata da pasciuti e spompati signori in un triste campaccio di periferia, che mi fa dubitare. Perché tutti quelli che potevano evitare che si arrivasse alla tragedia, facendo semplicemente il proprio dovere, senza essere dei campioni, non sopporteranno un campione vero in campo e si metteranno tutti insieme a cercare di non farlo giocare, finché quel campione deciderà di andarsene, di sua volontà. Con buona pace del merito e di tutti coloro che lo invocano invano.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fontana e Cirio insistono: “Con i dati di oggi le nostre Regioni non sarebbero in zona rossa ma arancione”. Ieri in Lombardia e Piemonte 11mila casi e 275 morti

next
Articolo Successivo

Azzolina: “L’apertura delle scuole non ha rischi, la chiusura sì sotto più punti di vista. Esami di maturità? Decideremo coinvolgendo studenti”

next