“Dal punto di vista organizzativo si è parlato della nuova governance, dell’azione politica come deve essere organizzate, se superare la figura del capo politico e come. Si è parlato della regola dei due mandati, un principio che è stato da tutti confermato però in ogni le occasione è stato posto il problema di valorizzare le esperienze in entrata e in uscita”. Lo ha in una diretta Facebook il capo politico del Movimento 5 stelle, Vito Crimi, avviando i lavori degli Stati generali del Movimento

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Casaleggio rifiuta l’invito agli Stati generali: “Decisioni già acquisite”. Crimi: “Migliaia di assemblee, grande partecipazione dal basso”

next
Articolo Successivo

Antonio Bassolino, Andrea Orlando (Pd): “19 assoluzioni. È il caso di vedere cosa non ha funzionato”

next