“Va incentivato il rientro o l’ingresso nel mondo del lavoro delle donne dopo la maternità“. Così a Repubblica la ministra per le Pari opportunità Elena Bonetti, ha anticipato una misura prevista in manovra, ricordando che prima del Covid i dati parlavano di 37mila donne che hanno lasciato il lavoro dopo il primo figlio.

Secondo la ministra, quindi, dopo la maternità le donne che rientrano al lavoro devono avere “un vantaggio economico: un aumento in busta paga”. E anche per l’azienda “non deve risultare penalizzante la sostituzione per maternità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Assistenza domiciliare per i disabili in crisi: servizi mai ripartiti e riduzioni causa Covid. “Ora la situazione è esplosiva. Basta alibi”

next
Articolo Successivo

Il Papa e le unioni gay? “A Gesù non importava dell’orientamento sessuale”: Maggi il “frate eretico” torna in libreria con “La verità ci rende liberi”

next