La Regione Veneto e l’Usl 3 Serenissima di Venezia hanno discriminato i bambini, figli di immigrati clandestini, non garantendo loro l’assistenza sanitaria pediatrica di base che è codificata dai principi della Convenzione di New York e che costituisce un diritto universalmente riconosciuto nei confronti dell’infanzia. La sentenza è del giudice del lavoro Margherita Bortolaso, che ha accolto il ricorso presentato dall’Associazione per gli studi giuridici sull’immigrazione, patrocinata dall’avvocato Marco Paggi. Si trattava di una causa-pilota per ottenere un riconoscimento a favore dei piccoli che si trovano in Italia in uno stato di irregolarità.

Il problema non è costituito tanto dalle prestazioni di emergenza, che vengono garantite dai pronto soccorso, bensì dell’assistenza medica ordinaria, che è assicurata per tutti gli altri bambini dal pediatra di base. “Tale rifiuto è censurato come discriminatorio perché in palese violazione dell’obbligo sancito dalla vigente normativa di garantire a tutti i minori presenti sul territorio parità di trattamento nell’accesso alle prestazioni sanitarie essenziali, a prescindere dall’irregolarità del loro soggiorno”. Così scrive il giudice, riassumendo il ricorso dell’avvocato Paggi, che lamentava la discriminazione rispetto agli altri bambini, anche stranieri.

“Tale obbligo di equiparazione è violato da Regione Veneto e Ulss 3 Serenissima, in quanto nei confronti dei cittadini stranieri minori di età irregolarmente soggiornanti è riconosciuta una forma limitata di copertura sanitaria, con esclusione in particolare dall’accesso al servizio pediatrico a libera scelta di cui, a seguito di iscrizione ordinaria al Servizio Sanitario Nazionale (obbligatoria/gratuita), usufruiscono invece i minori italiani e soggiornanti regolari”. Il giudice precisa poi che “il possesso della tessera Stp per gli extracomunitari (stranieri temporaneamente presenti) e della tessera Eni per i comunitari (europei non iscritti) non consente l’accesso all’intera gamma, e alle stesse condizioni, delle prestazioni sanitarie previste per la generalità della popolazione minorile. In particolare tali tessere consentono sì l’accesso alle cure indifferibili e urgenti, ma non anche la possibilità di scelta di un medico di famiglia, ovvero, trattandosi di minori, di un pediatra di libera scelta, abilitato a prescrivere il normale accesso alle prestazioni specialistiche, agli esami di laboratorio, ai trattamenti di terapia, ai ricoveri programmati”.

La sentenza “accerta il carattere discriminatorio del mancatoriconoscimento a favore dei cittadini stranieri minori di età irregolarmente soggiornanti di un servizio ambulatoriale pediatrico pubblico accessibile gratuitamente equiparabile al pediatra di libera scelta cui dà diritto l’iscrizione al SSN” e condanna Regione Veneto e Ulss 3 Serenissima “a rimuovere la discriminazione riconoscendo tale servizio, quanto alla Regione Veneto nell’ambito delle linee guide in sede di programmazione e organizzazione dei servizi sanitari, e quanto alla Ulss3 Serenissima in sede di approntamento dei medesimi servizi”.

La causa è stata avviata a Venezia anche perché nel 2010 Emergency ha aperto a Marghera una struttura che offre assistenza gratuita e che ha fornito più di 70mila prestazioni, da parte di uno staff composto da una ventina di volontari. “Abbiamo inserito una dozzina di casi a titolo esemplificativo – spiega l’avvocato Poggi – che ci hanno consentito, in quanto associazione legittimata a farlo, il ricorso per discriminazione collettiva, invece che farli individuali. Ma la situazione riguarda tutta la regione e noi puntiamo a un intervento di modifica del sistema”. Prima della causa, c’erano state numerose diffide, ma dall’Usl era venuto un rifiuto, perché le prestazioni non possono essere erogate in base a circolari e norme regionali del 2000 e del 2019. Replica dell’avvocato Chiara Cacciavillani, per la Regione: “Non si lascia indietro nessuno, ma nei limiti in cui la legislazione lo consente. Il problema è che lo straniero irregolare non può avere la tessera sanitaria e quindi non può essere iscritto al sistema sanitario”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sardegna, non chiediamo molto: solo un pediatra per i nostri bambini

next
Articolo Successivo

“Gli uomini sono più bravi delle donne in matematica?”, La ricercatrice Raffaella Mulas sconfessa gli stereotipi legati a genere e algebra

next