Secondo quanto emerso dall’Osservatorio annuale curato da Immobiliare.it, l’effetto Covid si fa sentire forte e chiaro sul mercato immobiliare e in particolare sul fronte delle aste immobiliari che, dal punto di vista dell’offerta, hanno registrato nel corso degli ultimi mesi una riduzione del 25%.

Le aste immobiliari piacciono, ecco perché

Se è vero che il mercato immobiliare residenziale più tradizionale sta evidenziando solo adesso i primi rallentamenti a causa dell’emergenza sanitaria, non si può certo dire la stessa cosa per ciò che riguarda le aste. I mesi di confinamento, infatti, hanno visto un vero e proprio congelamento di tutte le pratiche (almeno tra marzo e luglio) che ha avuto come principale conseguenza uno stand-by di questo tipo di operazioni.

Nonostante questa dinamica però sembra che l’interesse per le aste immobiliari da parte di chi è alla ricerca di una casa si sia mantenuto forte, trend confermato dal numero delle richieste medie per gli annunci che rispetto al 2019 sono cresciute del 71%, mentre gli annunci salvati dagli utenti come preferiti hanno visto un incremento dell’81%.

Una dinamica, questa, che non deve stupire: oggi infatti si è meno scettici rispetto alla ricerca di una casa attraverso le aste immobiliari e inoltre la sempre più diffusa digitalizzazione ha permesso di rendere appetibili questo tipo di immobili esattamente come tutti gli altri. Non ultima la possibilità di risparmio: stando a quanto elaborato da Immobiliare.it nel nostro Paese il prezzo base d’asta è più basso del 57% in media rispetto ai valori di mercato.

Cosa si ricerca oggi

Curioso il rapporto tagli degli immobili / domanda: le dimensioni delle case all’asta si caratterizzano per essere generalmente di grande metratura (superfici media 137 mq), offerta che però non ha molta aderenza con il maggiore interesse per monolocali e bilocali che nel corso dell’ultimo anno vedono un incremento della domanda del 122% e dell’83%.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Residenza in una seconda casa: perché non si può

next
Articolo Successivo

Il Superbonus è valido per la seconda casa?

next