di Lorenzo Giannotti

Finita l’estate si è ripresentato con la stessa vigoria e virulenza con cui era apparso. E non risparmia nessuno. Il virus colpisce l’Europa, tutta, con un repentinità da pochi prospettata. In Germania, la locomotiva europea solida e marmorea con uno dei sistemi sanitari più affidabili e all’avanguardia del continente, lunedì inizierà una sorta di lockdown con chiusura di ristoranti, bar, pub, centri estetici, teatri e cinema. A varare le misure di contenimento del virus una delle politiche più longeve, scaltre, capaci e temute del panorama internazionale: Angela Merkel.

La Francia, per bocca del suo Presidente, faro del riformismo europeo, fa sapere che è “sommersa dall’epidemia” e si prepara a chiudere tutto da questa sera per arginare l’impressionante mole di contagi che la attraversa in tutto il paese. In Spagna, il presidente socialista Pedro Sanchez dichiara lo stato d’emergenza e la regione di Madrid chiude i confini fino almeno al 9 novembre.

Irlanda e Galles sono già in lockdown dal 23 ottobre. Nell’ Inghilterra di Boris Johnson – quello del “abituatevi a perdere i vostri cari” – a ottobre si sono contate più persone ricoverate che nel mese di marzo, e il premier ha pensato a un lockdown strutturato su tre livelli di progressività. In Olanda, il simpatico Mark Rutte chiude bar, caffè e ristoranti: “Fa male ma è l’unico modo, dobbiamo essere più severi”.

In Italia, intanto, monta la rabbia per le nuove restrizioni introdotte dall’ultimo dpcm del presidente Giuseppe Conte: in quelle piazze, tanta brava gente allo stremo avrà bisogno di aiuti concreti, e in questo il governo dovrà essere inderogabilmente puntuale e tempestivo. Ma la domanda che circola più frequentemente in questi giorni è: avremmo potuto evitare una nuova ondata e le conseguenti misure? A giudicare da come stanno messi i nostri vicini non sembra, ma in questo caso mal comune non fa mezzo gaudio.

Anzi, il senso di impotenza della politica e più in generale dell’uomo, l’ingovernabilità di un fenomeno che ci mette con le spalle al muro, la supremazia della scienza che pare una tartaruga a confronto della spietata velocità del virus sono innegabili realtà in questo momento. Sarebbe bello che Conte e il suo governo avessero sbagliato tutto e che bastasse un cambio di poltrone per rinsavirsi e riprendere la retta via: purtroppo non penso che sia così.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.
Memoriale Coronavirus

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Il bandolo della matassa’: per riflettere sul nuovo valore della messa

next
Articolo Successivo

Manifestazioni, è necessaria l’autocritica. Prima che il Covid riesca dove il terrorismo ha fallito

next