Una lite scoppiata per futili motivi ma culminata in un omicidio. È successo nella serata di martedì 27 ottobre a Borgo Mezzanone, l’insediamento abusivo sorto nelle campagne del Foggiano. L a vittima è Emeka Nwafor, 34 anni, di origine nigeriana. È stato ucciso con diverse coltellate. Il suo connazionale Evans Nwafor, 25 anni, è stato fermato la scorsa notte dalla polizia. Una volta giunta sul posto, infatti, ha notato un gruppo di migranti che inveiva contro il 25enne, che aveva macchie di sangue sui vestiti. Il ragazzo è stato fermato con l’accusa di omicidio aggravato dai futili motivi. A quanto si apprende, il 25enne ha confessato.

Secondo le indagini della squadra mobile di Foggia e del commissariato di Manfredonia, il litigio tra i due migranti è scoppiato in una baracca-ristorante dove lavorava la vittima, Emeka Nwafor. Il suo presunto assassino, Evans Nwafor, era andato lì verso le 18.30 per mangiare. Tra i due è nato un acceso diverbio legato al cibo servito nel ristorante. La lite è poi proseguita all’esterno della baracca, con qualche spintone. Ma il 25enne è rientrato nel ristorante e ha afferrato un coltello da cucina con il quale ha ferito ripetutamente e a morte il connazionale. Due coltellate, una al petto e l’altra alla gola, sono state fatali.

L’indagato è stato poi bloccato da altri migranti che risiedono nella baraccopoli. La vittima, incensurata, è in possesso di un regolare permesso di soggiorno sul territorio nazionale. C’è anche una seconda ricostruzione dell’accaduto, fornita da un referente dei migranti, secondo il quale la vittima sarebbe stata uccisa perché intervenuta a sedare una rissa tra altri nigeriani.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, scontri in piazza del Popolo alla manifestazione contro le chiusure: bombe carta e cassonetti a fuoco. Polizia usa idranti

next
Articolo Successivo

Coronavirus, al Teatro alla Scala di Milano 21 artisti positivi: un corista in ospedale. “Continuiamo a lavorare per la Prima”

next