Nel corso di una serie di controlli tra Artena e Cave, in provincia di Roma, la guardia di finanza ha scoperto sei lavoratori in nero impiegati in due diverse panetterie. Ma non solo: tre di loro beneficiavano del reddito di cittadinanza, mentre un quarto prendeva il reddito di emergenza. I restanti erano senza permesso di soggiorno: si tratta di due italiani, due cittadini macedoni e due pakistani. Le Fiamme Gialle della Compagnia di Colleferro, coordinate dal gruppo di Frascati, li hanno colti mentre erano intenti a lavorare all’interno di due laboratori per la produzione di panetteria.

I datori di lavoro sono stati quindi denunciati alle Procure di Velletri e Tivoli per il reato di impiego di manodopera non in regola con la normativa sull’ingresso e il soggiorno nel territorio nazionale. Mentre le indebite percezioni del sussidio da parte dei quattro lavoratori sono state segnalate all’Inps per il recupero delle somme. L’operazione si inserisce nel più ampio dispositivo di controllo messo in atto dalla Guardia di Finanza per il contrasto allo sfruttamento dei lavoratori e a ogni forma di indebita sottrazione dal bilancio pubblico di risorse destinate alle fasce sociali più bisognose.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, Galli: “Virus muta ma non oltremisura, arriveremo al vaccino. Ma inutile dare una data”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, il presidente dell’Ordine dei medici di Napoli: “Tracciamento saltato, con questa crescita non reggiamo altre due settimane”

next