Silvio Berlusconi è tornato in Francia. L’ex premier, secondo quanto riporta l’Adnkronos, è nella villa della figlia Marina a Châteauneuf-de-Grasse, Valbonne, circa 35 chilometri da Nizza. Dopo aver trascorso in Provenza tutto il lockdown piena emergenza coronavirus e averci fatto un blitz anche questa estate (alla fine di agosto), il leader di Forza Italia. guarito dopo aver contratto il Covid, avrebbe deciso di ‘replicare’, proprio ora che si profila una nuova ondata di contagi in Italia. Anche se la Francia risulta essere uno dei paesi più colpiti nell’ultimo periodo.

Su consiglio della primogenita, il leader azzurro, ormai clinicamente guarito dal Covid (come dimostrato dagli ultimi tamponi negativi a distanza), ma ancora provato dal virus, ha scelto la casa di proprietà della figlia, una villa di metà Ottocento con circa centomila metri quadrati di terreno, come buen retiro. In questo modo Berlusconi avrà modo di riposarsi in sicurezza anti-contagio, ovvero nel rispetto delle norme anti-Covid, evitando anche la ‘processione’ di parlamentari azzurri in visita. Il presidente di Fi continua a lavorare da ‘remoto’, partecipando alle votazioni del Parlamento Ue a distanza, senza tralasciare gli impegni di partito, anche attraverso la piattaforma Zoom o semplicemente il telefono. Berlusconi ascolta tg e programmi di informazione riferiscono fonti parlamentari. Ad aggiornarlo sugli ultimi sviluppi politici, comunque, ci pensano i più stretti collaboratori e i vertici azzurri, a cominciare dal vicepresidente Antonio Tajani.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Covid, De Luca: “Con questi numeri, le mezze misure non servono più. Sono necessarie decisioni forti adesso”

next
Articolo Successivo

Di Maio ad Accordi&Disaccordi: “La cassa passi da Rousseau al M5s. Di Battista? Contento sia tornato, ma attacchi fanno male”

next