“Ce mancava solo er Viperetta, mo’ semo tutti”. Un uomo sui 60 anni apre e chiude in pochi secondi il giornale lasciato sul tavolino di un bar del quartiere Alberone. Ha appena letto che Massimo Ferrero, “vulcanico” presidente della Sampdoria, vuole candidarsi a sindaco di Roma. Un altro, caffè e cornetto alla mano, legge la stessa notizia, poi abbandona le cronache politiche in cerca delle pagine sportive. “Vinco a mani basse”, avrebbe esclamato il re dei multisala capitolini. È solo un piccolo indizio su come la pazienza dei romani sia già arrivata al limite. La sensazione, infatti, è che la melina di centrodestra e centrosinistra stia trasformando il pre-gara verso le comunali romane del 2021 in una specie di farsa. Perché le auto-candidature a sindaco che stanno riempiendo il vuoto dei “no, grazie” rifilati alle coalizioni, in alcuni casi non convincono, in altri fanno addirittura sorridere, fra personalità dello spettacolo e volti noti del piccolo schermo che si propongono – o vengono tirati in ballo – come “la persona giusta”. Senza alcuna esperienza nella pubblica amministrazione, ovviamente, lo stesso “difetto” contestato per 5 anni all’attuale sindaca, Virginia Raggi.

Il primo in assoluto a inaugurare il “circo” delle candidature è stato Massimo Ghini, il 20 maggio scorso. “Sono pronto a candidarmi a sindaco se la sinistra non tira fuori un candidato vero”, disse il protagonista di Vacanze ai Caraibi, prima di ammettere: “La mia è una provocazione” e iniziare a dissertare di campi rom e rifiuti. Di pochi giorni fa, invece, la notizia del “sondaggio” di Giorgia Meloni e Matteo Salvini verso Massimo Giletti, conduttore di Non è L’Arena, torinese (e juventino) ma da alcuni ritenuto adatto a correre per il Campidoglio (anche) grazie agli approfondimenti della sua trasmissione sulle cose romane: Atac, Ama, Mondo di Mezzo, ecc…

Al centrodestra in fondo l’opzione “giornalista televisivo” sembra piacere: nelle scorse settimane erano stati testati anche Gennaro Sangiuliano, napoletano, direttore del Tg2 ed ex vicedirettore di Libero (opzione non tramontata, in realtà), e Nicola Porro, volto noto di Mediaset ma almeno lui nato e cresciuto a Roma. “E allora perché non io!”, la frase che ha accompagnato la discesa in campo, fra il serio e il faceto, di Vittorio Sgarbi, che ha già detto che metterà la sua famigerata capra sul simbolo del movimento “Rinascimento”, con cui ha vinto le elezioni a Sutri, in provincia di Viterbo, di cui il parlamentare è attualmente primo cittadino.

Dal Grande Fratelli Vip al “Festival degli sconosciuti” in realtà il passo è breve. Perché accanto ai “volti noti” ci sono diversi personaggi della politica ultralocale che ritengono di potersi misurare con il Campidoglio. In primis quelli ormai noti come i “sette nani” che puntano alle primarie del Partito democratico: i presidenti di municipio Giovanni Caudo – ex assessore ai tempi di Ignazio MarinoSabrina Alfonsi e Amedeo Ciaccheri, il consigliere regionale Paolo Ciani (vicino a Sant’Egidio), il consigliere municipale Tobia Zevi (esponente della Comunità ebraica) e i parlamentari Monica Cirinnà e Roberto Morassut. A questi si aggiungono la presidente del VII Municipio, Monica Lozzi – fuoriuscita dal M5s e ora sostenuta da Gianluigi Paragone – lo scrittore Gianrico Carofiglio, proposto a gran voce dai “pugliesi del Pd” – una nuova corrente dei dem capitolini – il 20enne Federico Lobuono con la sua lista “La Giovane Roma” e anche l’ex consigliere regionale ai tempi di Renata Polverini, Andrea Bernaudo, con la sua “Liberiamo Roma”.

Al momento il nome del (possibile) candidato a sindaco di Roma più accreditato finisce per essere quello di Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico dei governi Renzi e Gentiloni. “Ci sta ancora pensando, ma se lo farà lo sosterrò da cittadina”, ha detto a Otto e Mezzo sua madre, la regista e scrittrice Cristina Comencini. Calenda (che non ha mai nascosto le sue velleità da primo cittadino e che da ministro aveva anche avviato un tavolo di lavoro con Virginia Raggi, fatto saltare dopo poche settimane) è stato fra i primi a essere tirato in ballo, addirittura dalla sinistra radicale – nonostante le sue idee notoriamente liberiste – salvo poi essere archiviato come “troppo divisivo”. L’ex titolare degli uffici di via Molise ha un “problema” che imbarazza il Pd: in pochi mesi si è tesserato, si è fatto eleggere eurodeputato e poi ha abbandonato i dem all’atto dell’alleanza di governo con il M5s, per poi fondare il suo partito, “Azione!”. A Roma, però, gli serviranno i voti pentastellati per governare. Almeno al ballottaggio, qualora riesca a vincere il “derby” con Virginia Raggi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Di Battista lancia la sua mozione per gli Stati Generali: “Da soli alle Politiche 2023 e nessuna deroga al limite dei due mandati”

next
Articolo Successivo

Elezioni Roma, De Gregorio (Azione): “Calenda candidato? Dialogo aperto, ora parliamo del programma. Per noi primarie sono escluse”

next