Continua il successo di ‘Accordi&Disaccordi’, che lo scorso venerdì ha raggiunto sul Nove picchi di 650mila telespettatori. Il presidio di approfondimento sulla politica e l’attualità condotto da Luca Sommi e Andrea Scanzi – che nel 2021 si allunga con nuove puntate – torna venerdì 16 ottobre sempre alle 22.45, con ospite il ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

In studio si discute delle nuove misure anti-Covid varate dal Dpcm del 13 ottobre per capire se saranno sufficienti per diminuire i contagi o se sarà necessario inasprirle ulteriormente per evitare un nuovo lockdown; inoltre si affronterà il dibattito sulla tenuta del governo giallo-rosso, messo in difficoltà dal riacutizzarsi della pandemia. Nella parte finale, il direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio analizzerà lo scenario politico ed economico del Paese. Non mancheranno le provocazioni satiriche della “web star” Martina Dell’Ombra (l’attrice siciliana Federica Cacciola) che, questa volta è andata in piazza San Giovanni a Roma per la manifestazione dei negazionisti del Covid.

Accordi&Disaccordi’ è prodotto da Loft Produzioni per Discovery Italia ed è disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tomaso Montanari presenta Eretici: Curie, Dossetti, Wolf, Savonarola e Gentileschi in esclusiva su TvLoft

next
Articolo Successivo

M5S, Luigi Di Maio ad Accordi&Disaccordi (Nove): “No a conflitto con Di Battista. Né noi né Zingaretti parliamo di alleanze strutturali”

next