La perdita di udito, improvvisa e permanente, può essere collegata all’infezione da Covid-19. Lo rivela lo studio del primo caso clinico pubblicata sul BMJ Case Reports (British medical journal) da Foteini Stefania Koumpa dell’University College London, che ha redatto l’articolo. Il caso è quello di un 45enne che è stato ricoverato per Covid, anche in terapia intensiva. L’uomo ha perso l’udito dall’orecchio sinistro e lo ha potuto recuperare solo parzialmente con una cura a base di corticosteroidi.

Giunto nel reparto di otorinolaringoiatria del loro ospedale, l’uomo è stato trattato con i farmaci necessari per arginare la malattia mentre si trovava ricoverato in un altro reparto per problemi respiratori. Trattato con remdesivir, steroidi per via endovenosa e trasfusioni di sangue, l’uomo era poi migliorato ed era stato dimesso. Solo dopo qualche giorno aveva accusato i sintomi di ipoacusia a un orecchio. Iniziato con un ronzio all’orecchio sinistro, il fastidio poco dopo si è trasformato in perdita completa dell’udito. Il paziente stato curato con compresse di steroidi ed è leggermente migliorato. I medici hanno concluso che l’origine poteva essere l’infezione da Covid 19.

Finora ci sono stati pochissimi precedenti di perdita dell’udito correlata alla Covid-19, osservano gli autori del lavoro, ma soprattutto i casi non sono stati riportati, quindi manca ancora la consapevolezza di questo ulteriore possibile effetto. L’uomo non presentava infiammazioni né altri segni nell’orecchio interessato. È possibile che il coronavirus agisca infettando le cellule dell’orecchio intermedio, simili a quelle del tessuto polmonare che sono un noto bersaglio del virus, concludono i ricercatori.

L’abstract dello studio

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Eli Lilly sospende test clinici sugli anticorpi: “Possibili preoccupazioni legate alla sicurezza”

next
Articolo Successivo

Anche il candidato vaccino di Moderna avvia la domanda di autorizzazione all’Agenzia europea del farmaco

next